Pubblicato in: Senza categoria

ECCO PERCHE’ PARIGI INVIDIA TANTO FIRENZE

Che i parigini non me ne vogliano, ma la verità è che Parigi deve molto del suo prestigio alla bella Firenze. Ebbene sì, forse non lo sapevate, ma per vari aspetti Parigi risulta essere la brutta copia di Firenze.

Starete pensando ” esagerata…parli così solo perchè sei fiorentina”… e allora lasciate che vi racconti qualche curiosità storica.

Il 13 Aprile 1519 nasceva a Firenze Caterina Maria Romula Medici, il cui bisnonno materno era niente meno che Lorenzo il Magnifico, ed il cui zio era niente meno che Papa Clemente VII. Essa era abituata a vivere in un ambiente raffinatissimo, sia a livello culturale che artistico; circondata da uomini del calibro di Raffaello e Michelangelo, al quale lo zio ordinò la Cappella Sistina.

Come Caterina arrivò a Parigi, in quanto venne data in sposa a Enrico di Valois, secondogenito di Francesco I re di Francia, introdusse importantissime novità, come le mutande e le posate. Pensate che in Francia ,all’epoca, ancora non esisteva l’intimo e si mangiava solo con le mani! Ella insegnò anche a distinguere i cibi salati da quelli dolci portando le ricette della cucina toscana, che poi sarebbero state rielaborate dai francesi; inoltre, fece conoscere per la prima volta i profumi e migliorò l’igiene. ( Tuttavia, pur essendo passati secoli, non siamo ancora riusciti a convincere i francesi dell’utilità del bidet ! )

Parigi città dell’amore? Beh, non quanto Firenze! Sapevate che il bacio cosiddetto ” alla francese ” in realtà nasconde origini tutte fiorentine? Alcuni studi riportano che l’origine francese dell’appassionato bacio sia in realtà una modifica del cosiddetto ” bacio alla fiorentina “: questo mutamento semantico sarebbe da imputare ai soldati inglesi e americani che, durante la loro permanenza in Francia nel corso della prima guerra mondiale, cominciarono a riferirsi al bacio alla fiorentina come “bacio alla francese”. Un errore geografico quindi, forse un lapsus fonetico da parte di soldati anglofoni, che finì per ribattezzare l’origine di quel bacio passionale, perpetuando la svista in tutte le lingue conosciute, sostituendo così l’aggettivo ” fiorentino ” con quello “francese “.

Se poi pensiamo ad un’immediata relazione tra Firenze e Parigi, a chi non verrebbe in mente la ” Gioconda ” ? Frutto di una mente geniale, capolavoro di Leonardo da Vinci durante una delle sue permanenze a Firenze…e ovviamente opera che ha fatto la fortuna del Louvre; anche se a molti italiani, in particolare toscani, piacerebbe riaverla a casa, e perchè no… magari agli Uffizi!

Che dirvi, quando vedrete un francese alzare un po’ troppo la cresta, saprete come abbassargliela! In fondo, se hanno addosso un paio di mutande è proprio merito nostro ! 😉

PennaLibera

Fonti —> FirenzeToday e  ” L’età dell’arancio e del melograno “

Annunci

Autore:

Sono Sara Benedetti. Italiana, musulmana. Sognatrice e scrittrice. Racconto storie. Scrivo pensieri e riflessioni. Una versione moderna e femminile di Robin Hood, che contro i soprusi dei potenti, vuole far sentire la voce dei più deboli, di chi solitamente non viene ascoltato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...