Pubblicato in: Senza categoria

JE SUIS ALI ALDARAWESH

Ali Aldarawesh era un bambino palestinese di 18 mesi, che fino a due giorni fa viveva circondato dall’amore della sua mamma, del suo papa’ e del fratellino di 4 anni; ma all’alba del 31 Luglio la sua casa e’ stata bruciata da un gruppo di terroristi israeliani. La sua famiglia e’ riuscita miracolosamente a salvarsi, anche se e’ rimasta gravemente ferita ed ustionata, mentre lui non ce l’ha fatta… e’ rimasto imprigionato nel rogo del nazismo sionista, solo, con le sue grida di dolore e paura.

Penso a una famiglia distrutta;

Penso ai sensi di colpa che tormenteranno per sempre i genitori per non essere riusciti a salvare la vita al loro bambino;

Penso ai ricordi che erano custoditi dentro le pareti di casa, adesso fumo fra le macerie;

Penso, e non so perche’, mi tornano alla mente le parole di Peppino Impastato contro la mafia; penso, e come lui ho voglia di urlare che Israele, come la mafia, E’ UNA MONTAGNA DI MERDA !

PennaLibera

Annunci

Autore:

Sono Sara Benedetti. Italiana, musulmana. Sognatrice e scrittrice. Racconto storie. Scrivo pensieri e riflessioni. Una versione moderna e femminile di Robin Hood, che contro i soprusi dei potenti, vuole far sentire la voce dei più deboli, di chi solitamente non viene ascoltato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...