Pubblicato in: Senza categoria

La vera amicizia : diverse, ma mai troppo

Giorgia e Sara, amiche inseparabili fin dai tempi del liceo. Si sono incontrate tra i banchi di scuola, e da quel momento non si sono piu’ lasciate. Oggi sono entrambe iscritte alla facolta’ di Giurisprudenza, ciascuna con dei sogni, ciascuna consapevole che potra’ sempre far affidamento sull’altra per realizzarli.

Giorgia e’ nata in una famiglia cristiana non praticante, mentre Sara e’ musulmana; tra loro non si chiamano mai per nome, ma utilizzano dei buffi soprannomi che si sono date a vicenda: ” Baghe ” e ” Zanza ” o piu’ semplicemente ” Ba ” e ” Za “.

Quasi 5 anni fa…

– Giorgia : ” Za, allora sei pronta a cominciare questo ultimo anno di classico ? Ancora 9 mesi e potremo dire addio alle versioni di greco! ”

– Sara : ” Non riesco a crederci, Ba ! Devo ancora realizzarlo…il tempo e’ volato e noi stiamo per diplomarci, ho un po’ paura…

– Giorgia: ” Paura di cosa ? ”

– Sara : ” Del giudizio degli amici, dei professori… Proprio ora che stiamo per affrontare la maturita’, ho preso la decisione di portare il velo, ne sono fiera, ma allo stesso tempo ho timore delle loro reazioni, non so cosa succedera’ quando, per la prima volta, varcando quella soglia col mio hijab, verro’ guardata da tutti.

– Giorgia : ” Succeda quel che succeda, tu non devi cambiare per nessuno. Sei sempre la stessa, la stessa Zanza che nel corso degli anni si e’ fatta voler bene da tutti. Col velo, senza velo, che importanza ha? Sii orgogliosa di cio’che sei. E se domani gli sguardi delle persone saranno troppo invadenti,vorra’ dire che gli sosterremo insieme. Mi arrotolero’ una sciarpa sulla testa e varchero’ con te quella soglia.

” Una grande amicizia ha due ingredienti principali : il primo e’ la scoperta di cio’ che ci rende simili e il secondo e’ il rispetto di cio’ che ci fa diversi.

PennaLibera

Annunci

Autore:

Sono Sara Benedetti. Italiana, musulmana. Sognatrice e scrittrice. Racconto storie. Scrivo pensieri e riflessioni. Una versione moderna e femminile di Robin Hood, che contro i soprusi dei potenti, vuole far sentire la voce dei più deboli, di chi solitamente non viene ascoltato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...