Pubblicato in: Senza categoria

La storia di Elisa : ” L’Islam mi ha salvata “

Oggi voglio raccontare la storia di Elisa, una dolce e tenera ragazza italiana che si è convertita all’Islam.
Il suo percorso non è stato semplice, ma quel che mi ha colpito di lei è che, nonostante tutte le difficoltà che ha dovuto affrontare, non ha mai perso la speranza, ha continuato a stringere i denti anche per il suo fratellino di cui si doveva occupare, fino a quando non ha conosciuto l’Islam…Da quel momento la vita è tornata a sorriderle.

– ” Che cosa ti ha fatta avvicinare all’Islam? ”

-” All’Islam mi ha fatta avvicinare la morte della mia mamma. Avevo solo 14 anni quando lei se n’è andata…Ricordo che era l’ultimo giorno di terza media, e mia nonna è entrata in camera mia dicendomi ” Elisa, oggi non andrai a scuola…la mamma non è più con noi “.
Era molto malata, ma ha combattuto fino alla fine. Diceva a mia nonna: ” Venga ricordato il numero 8″… l’8 giugno è morta. Trascorrevo le giornate a guardare il cielo, a chiedermi perchè la mia mamma mi avesse lasciata. Non è stato semplice, ero confusa, alla ricerca di qualcosa…di me stessa. Per fortuna c’era la nonna che si prendeva cura di me e del mio fratellino, che a 5 anni ha visto la sua mamma chiudere gli occhi per l’ultima volta. Gli anni passavano a differenza del dolore, ma la nonna riusciva in qualche modo ad alleviarlo, non ci faceva mai mancare niente e, piuttosto, si privava di qualcosa per poterlo dare a noi.
Però, tre anni fa, si è ammalata anche lei. Stava immobile a letto, ed io le rimanevo accanto giorno e notte. Non voleva altri che me. Pregavo perchè potesse morire con me vicina. E così è stato. E’ morta tra le mie braccia.
Il dolore più grande l’ho provato per lei, che era la mia seconda mamma, che mi aveva cresciuta, che mi aveva sempre protetta…non sapevo cosa fare senza il suo sorriso.
Il papà ormai si era risposato, creandosi una nuova famiglia…eravamo rimasti solo io ed il mio fratellino. Non avevamo molto cibo e a fatica riuscivamo a pagare le bollette, finchè un brutto giorno ci hanno staccato il gas. Così sono stata costretta a cercarmi un lavoro, e grazie a Dio, dopo poco, io e mio fratello abbiamo preso in affitto un appartamento. Da quel momento le cose hanno iniziato a migliorare.

– ” Che cosa dell’Islam ti ha più affascinata ?”

-” Sono rimasta colpita da come leggendo il Corano mi sentissi un’altra persona, dal senso di pace che riusciva a trasmettermi, ed era quello di cui sentivo il bisogno. Rimanevo incantata per la leggerezza con cui scorrevo le parole durante la lettura, e ho capito che quella era la mia religione. Dopo tanta sofferenza, avevo trovato qualcosa che mi confortasse.

-” Quando hai deciso di convertirti, e perchè ? ”

-” In realtà, dentro al mio cuore, avevo deciso anni fa di convertirmi all’Islam, ma solo quest’anno ho fatto la “shahada”, mi sentivo finalmente pronta, e come mio nuovo nome, da aggiungere ad Elisa, ho scelto Leyla.

-” Come è stata vista la tua scelta dalla famiglia e dagli amici ? ”

– ” All’inizio le persone erano diffidenti, non è stato semplice accettare la mia scelta. Ma, appunto, si trattava di una MIA scelta e alla fine se ne sono fatti una ragione. Oggi il mio papà è molto fiero di quello che sono.

-” E’ cambiato qualcosa in te ? ”

-” Sono sempre la stessa, ma più consapevole, più forte, più coraggiosa…l’Islam è con me ogni giorno, ogni ora, ogni minuto. Ho provato dolore, ho pianto, ma oggi sono felice… e la ricompensa più bella è aver incontrato mio marito, è ciò che ho di più prezioso. Sogno con lui una famiglia e di avere presto dei bambini.”

La vita è un viaggio, e noi non siamo altro che viaggiatori.
PennaLibera

Annunci

Autore:

Sono Sara Benedetti. Italiana, musulmana. Sognatrice e scrittrice. Racconto storie. Scrivo pensieri e riflessioni. Una versione moderna e femminile di Robin Hood, che contro i soprusi dei potenti, vuole far sentire la voce dei più deboli, di chi solitamente non viene ascoltato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...